logo Uberti consulenza viaggi

Europa Bulgaria Sofia

chiesa di Bojana (Boyana church)

l'attrazione più interessante da vedere a Sofia

 

Indipendentemente dal tuo livello di passione per l'arte ti consiglio vivamente di visitare la chiesa di Bojana: è probabilmente la cosa più bella e interessante da fare a Sofia. Come puoi vedere dalla foto la chiesa da fuori non è niente di particolare, ma tutte le sue pareti interne sono completamente ricoperte da un ciclo di affreschi di incredibile vivacità espressiva, realizzati a partire dal 1259, quindi 8 anni prima della nascita di Giotto, e una quarantina prima dell'inizio del rinascimento in Italia. Nel 1979 è stata inserita nella lista dei siti patrimonio dell'umanità dell'Unesco.

 

Da questo video puoi farti una prima idea della chiesa:

 

 

 

All'interno della chiesa si rimane colpiti dalla bellezza degli affreschi, dalla incredibile naturalezza dei volti raffigurati, e soprattutto al pensiero che siano stati dipinti anni prima del rinascimento italiano, come la pittoresca guida che accompagna e sorveglia i visitatori all'interno non si stanca mai di sottolineare decantando le meraviglie dei ritratti della principessa Desislava, del Sebastocrator Kaloyan, del Cristo pantocratore ... "before Giotto" ... "before Italian renaissance" ... cosa che ovviamente colpisce abbastanza noi italiani.  Il comprensibile l'orgoglio campanilistico del custode tralascia però qualche particolare interessante, e soprattutto utile alla comprensione della storia, che vale la pena di raccontare.

Un primo dettaglio che non viene citato è il fatto che quasi tutti gli stati dell'Est Europa tentano di strappare all'Italia il primato dell'inizio del rinascimento nel campo della pittura: tra gli esempi più famosi possiamo citare l'angelo bianco del monastero di Mileševa in Serbia e i mosaici (ad es. il viaggio a Betlemme, il censimento, la koimetesis) della chiesa di San Salvatore in Chora ad Istanbul.


Queste operre appartengono al "rinascimento bizantino" avvenuto sotto la dinastia dei Paleologi (da cui anche "palaeologan renaissance"), ed in particolare all'ultima fase, quella dunque più matura, in cui la finezza delle rappresentazioni e il perfezionamento della tecnica portò ad una prima tridimensionalità prospettica e realismo delle forme, lontano dalle opere del primo periodo (come ad esempio i mosaici di Santa Sofia a Istanbul o i mosaici di Ravenna) bidimensionali e statiche nella loro solennità.

Il movimento ebbe origine in Bisanzio (Istanbul) tra il XIII e XIV sec. per poi estendersi ai vicini stati (attuali Bulgaria, Serbia, Russia). Anche se cominciò ad uscire dalle rigide regole dell'arte medievale producendo dipinti e mosaici di apprezabile realismo, bisogna anche dire che non raggiunse mai l'eccellenza del rinascimento italiano. E la buona produzione artistica si estinse con la conquista ottomana del XV secolo.

 

chiesa-di-Boyana-Sofia-Bulgaria-interno

photocredit: archer10 (Dennis)

 


Tornando alla chiesa di Bojana: il primo corpo della chiesa venne costruito tra il X e XI secolo, ed è la semplice struttura in mattoni rossi che si vede nella foto iniziale. Poi nel XIII secolo il sebastocratore Kaloyan sponsorizzò i lavori di estensione e abbellimento della chiesa. Kaloyan era il signore di Sredets, attuale Sofia, che a quei tempi però NON era la capitale della Bulgaria (il secondo impero bulgaro aveva come capitale Tărnovgrad, l'attuale Veliko Tărnovo), e non va confuso con lo zio zar Kaloyan di Bulgaria, cioè "il buon Giovanni" o "Giovanni il bello di Bulgaria".

 

Ad ogni modo Kaloyan, da buon nobile recentemente arricchito, aveva la sua residenza estiva a Bojana, alle pendici del monte Vitosha, e decise di trasformare la piccola chiesetta in una prestigiosa cappella di famiglia. La chiesa venne innalzata di un livello, la parte superiore fungeva da chiesa, dedicata a Panteleymon (cioè a san Pantaleone di Nicomedia), mentre la parte inferiore era dedicata alle sepolture di famiglia.

 

chiesa-di-Boyana-Sofia-Bulgaria-san-Nicola

photocredit: archer10 (Dennis)

 

Stando alla targa i lavori terminarono nel 1259, e i bellissimi affreschi vennero consegnati alla storia. Poi passarono gli anni, poi i secoli, e la chiesa venne progressivamente abbandonata e dimenticata. Come fu dimenticato il nome dell'artista che realizzò gli affreschi. Il fatto che il suo nome rimanga un mistero aggiunge un tocco di fascino alla storia, ma a ben vedere non è poi così strano: nel medioevo la realizzazione delle opere artistiche veniva attribuita anche all'ispirazione divina, e l'artista non doveva certo competere in fama con il soggetto sacro della sua opera.


C'è comunque chi si è dedicato intensamente a scoprire chi fu lo sconosciuto maestro, e in molti documenti sembra ricorrere lo stesso nome Vasiliy, tanto che alla fine viene indicato come "Vasiliy il pittore", e sembra venisse da Tarnovo, la vecchia capitale del secondo impero bulgaro. Nel 2008 i restauratori hanno scoperto le tracce di un'iscrizione sotto un volto maschile in secondo piano, con scritto "I, V....an", e il direttore del locale museo storico lo ha subito identificato con un autoritratto di Vasiliy il pittore. Cosa alquanto inverosimile tornando a riflettere sull'atteggiamento degli artisti medievali.

La storia è ad ogni modo affascinante, e ha ispirato anche due film, il primo "The Boyana master" nel 1962, e un'altro omonimo nel 1981.

 

Con grande senso artistico e amore per il bello nel XVII secolo gli affreschi vennero interamente ricoperti (cosa che in realtà ne ha involontariamente aiutato la conservazione). All'inizio del XIX secolo la chiesa venne nuovamente ampliata, con l'aggiunta della parte che adesso funge da ingresso, dopo un altro secolo, agli albori del XX, era completamente decaduta: piccola, buia, malridotta da aperture nel soffitto, praticamente in disuso.

 

Gli abitanti del luogo non ne erano affatto contenti, ed ignorando completamente il suo valore artistico decisero di demolirla per costruirne un'altra nuova e più bella sullo stesso posto. Per puro caso, e direi per la fortuna degli attuali discendenti di quei lungimiranti amanti dell'arte e delle vecchie chiese, venne a conoscenza della storia la zarina Eleonora di Reuss-Köstritz, che convinse il marito Ferdinando I di Bulgaria a bloccare l'intento distruttore dei villici concedendogli una nuova chiesa nelle vicinanze. Era il 1912, la zarina morì cinque anni dopo, ed espresse il desiderio di essere sepolta nella piccola chiesa che aveva salvato. Lo zar Ferdinando fece allora piantare attorno alla chiesa il bosco di sequoie che le fa ombra tutt'oggi.

La zarina, oltre che protettrice del patrimonio artistico, fu una santa donna dedita ad opere di carità, in particolare formazione delle infermiere e assistenza ospedaliera durante le guerre balcaniche del 1912-13 e la prima guerra mondiale, e fu tanto amata che per molti anni continuarono i pellegrinaggi alla sua tomba da parte di infermiere e soldati. Dal 1944 arrivò il comunismo e cancellò definitivamente la pia usanza. Nel 1960 la tomba venne addirittura profanata e le pietre tombali intarsiate vennero rimosse. Dopo il 1989 la tomba venne ripristinata, ma ancor oggi è abbandonata e nessuno ricorda più l'intervento provvidenziale della zarina Eleonora, né la tanto loquace guida locale né il sito internet ufficiale.

 

Sulla chiesa ai primi lavori di restauro del 1912 seguirono quelli del 1934, poi ancora nel 1944, e nel 1977-1979, dopo i quali la chiesa entrò nella lista dei siti Unesco patrimonio dell'umanità.

 

 

 

 

molte informazioni sono state tratte dall'articolo di Bozhidara Dimitrova
apparso sul n.44 di Latitudes

 

 

organizzare la visita alla chiesa

Bojana è un sobborgo di Sofia alle pendici del monte Vitosha, raggiungibile in taxi dal centro con una corsa di 15 minuti, e nei secoli scorsi era uno dei 35 villaggi-fortezze che sorgevano intorno a Sofia, che a quei tempi si chiamava Sredets (vedi anche l'articolo sui diversi nomi di Sofia nel tempo).

 

indirizzo: 1 Boyansko Ezero, Sofia 1616, Bulgaria

 

 


In teoria dal centro di Sofia potresti raggiungere la chiesa di Bojana con i bus n. 64, 107 o 21, ma una corsa in taxi costa solo 10 leva, cioè 5€, e ti consiglio di concederti questa comodità
considera circa 15 minuti per arrivare a destinazione.
 

orari di apertura:  9:00-17:00 (1novembre-31marzo) 9:30-17:30 (1aprile-31ottobre)
 

biglietto di ingresso:  10 leva (5€), studenti 2 leva

 

L'ingresso è rigidamente consentito solo a gruppi di 8 persone massimo alla volta, e per non più di 10 minuti (sono fiscali su entrambi gli aspetti) per garantire la conservazione degli affreschi. Il tempo è comunque sufficiente a godersi appieno tutti gli affreschi, visto che la chiesa è davvero minuscola.

 

Se hai un account Google+ e trovato utili e interessanti queste informazioni clicca sul +1:

 

data-size="standard" lang="it-IT"

 

 

Altri luoghi interessanti da visitare a Sofia:

 

Sofia-Bulgaria-Alexander-Nevsky-Cathedral

cattedrale Alexander Nevski

La cattedrale ortodossa di Sofia intitolata ad Alexander Nevski è l'icona più riconoscibile della città. Costruita in stile neo-bizantino tra il 1882 e il 1912 era originariamente dedicata ai santi Cirillo e Metodio, ma nel 1924 venne ribattezzata alla memoria di Alexander Nevski, eroe nazionale russo famoso per le sue gesta militari piuttosto che per la sua santità.
chiesa santa Sofia Bulgaria

chiesa di Santa Sofia

La chiesa di Santa Sofia a Sofia in Bulgaria è a mio avviso la più interessante della città, considerando che l'origine del nome Sofia deriva da questa chiesa. La chiesa ha avuto nei secoli una storia molto travagliata: è stata distrutta molte volte, e altrettante volte ricostruita, anche per diverse confessioni. Leggi l'approfondimento su Santa Sofia.

Sofia-History-Museum-Panagyurishte-Thracian-Gold-Treasure

i musei

Anche se non possono competere con i musei di New York o di Parigi le esposizioni della capitale bulgara hanno qualche spunto interessante da offrire, soprattutto riguardo la storia nazionale, e se durante il tuo soggiorno hai abbastanza tempo puoi visitarne qualcuno secondo i tuoi interessi. Recensione dei musei più importanti.

 

Altre pagine utili per organizzare la visita a Sofia:

 

OK-taxi-Sofia-Bulgaria

organizzare la visita a Sofia

Ci sono voli diretti che collegano Sofia con: Roma, Milano, Bergamo, Bologna. La primavera e l'autunno sono le stagioni migliori per la visita. Per l'hteol Il cambio euro-leva è fisso a 1,95 e ti conviene cambiare direttamente in città.
Una delle cose a cui stare più attenti sono le corse in taxi.

Radisson-Blu-Grand-Hotel-Sofia-2

guida alla scelta dell'hotel a Sofia

Visto che a Sofia gli hotel costano molto meno che nelle altre capitali europee il mio consiglio è di sceglierne uno buono, e soprattutto in posizione centrale. Ho preparato per te una dettagliata guida ai migliori hotel di Sofia, con foto e recensioni di quelli con il miglior rapporto qualità/prezzo, ma ti invito comunque a contattarmi.

ristoranti-Sofia-1

guida ai migliori ristoranti di Sofia

Dalla mia breve esperienza direi che Sofia non è un centro di eccellenza della cucina internazionale, e sinceramente trovare ristoranti da consigliare è abbastanza difficile: molti sono mediamente decenti (considerando il contesto), senza però che nessuno in particolare sia straordinariamente buono. Guida ai pochissimi ristoranti consigliabili.

 

 

 

photocredit immagine di copertina: Dennis Jarvis

Mariano Guido Uberti tondo 64x64  

Mariano Guido Uberti

wizard of travel

seguimi su Facebook 16  Google color 16  Twitter 16  Youtube 16

 

 

 

questo sito ha +800 pagine   scoprile

risorse utili:

prenotare hotel

noleggio auto

prenotazione voli

guida assicurazioni

clima ideale

 

top guide di viaggio

Stati Uniti - New York City

isole del Pacifico

Islanda - Germania

la mia consulenza:

come funziona

perché gratis

FAQ (domande frequenti)

 

i miei contatti

mariano@uberti.eu 

 

follow me

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili per migliorare la tua esperienza sul sito stesso. Per approfondimenti consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.