logo Uberti consulenza viaggi

Europa Grecia Santorini

Santorini è una trappola per turisti

nessuna guida lo dice, ma è la triste verità

 

Santorini è un'isola con un incredibile panorama unico al mondo: la scogliera che si apre a mezzaluna sul golfo interno (dove un tempo c'era il vulcano poi sprofondato in mare nella terribile eruzione che distrusse l'isola nel XVII sec. a.C.) con alcuni paesini di casette bianche aggrappate sull'orlo del dirupo. Bellissimo! Unico. L'ho guardato incantato per ore: mi ha fatto venire in mente una specie di enorme Grand Canyon riempito dal mare blu, e mi ha emozionato molto. Davvero.

Però nonostante tutta questa bellezza sono partito da Santorini disgustato e profondamente arrabbiato. Perché?! Perché la popolazione locale ha avuto la pessima idea di trasformare questa bellissima isola in una volgare trappola per turisti.

Per carità, usare il turismo per far soldi va benissimo, ci mancherebbe. Soprattutto in un paese in difficoltà come la Grecia. Però a tutto c'è un limite: se chiedi soldi devi offrire qualcosa in cambio, in particolare devi offrire qualcosa che valga quello che si è pagato.
E in un posto particolarmente richiesto ci sta pure che si paghi più del dovuto (la classica legge della domanda e dell'offerta), ma a Santorini hanno passato tutti i limiti: il voler spillare soldi ai turisti in ogni modo e senza ritegno è talmente evidente che è addirittura fastidioso. Tanto da rovinare la vacanza.

E questo è un vero peccato, perché, ripeto, l'isola è davvero bella.

Però è rimasta vittima della propria bellezza e unicità: troppi turisti su un'isola troppo piccola e troppo mal gestita.

 

Vediamo di fare esempi precisi, altrimenti chi non c'è stato non riesce a capire:

 

  • hotel "luxury", che però di luxury hanno solo il prezzo
    Se fai una ricerca di alloggio a Santorini (usa ad esempio Hotels.com e Booking.com) vedrai molti hotel 5* e super lusso tra i risultati. In particolare i prezzi sono da super lusso. Le foto sono anche belle (alcune). Il problema è che se chiedi prezzi da 5* poi devi offrire un servizio adeguato, e il gap tra lo standard europeo (Francia, Austria, Italia, ecc.) e quello di Santorini è imbarazzante nella maggior parte dei casi.

  • ristoranti mediocri a prezzi assurdi + buttadentro
    Va bene pagare la vista, ma spesso si paga tanto pure quando la vista non c'è. E quando non c'è nemmeno la qualità nel piatto diventa un problema. E poi ancora una volta il problema principale non è il prezzo ma il personale: se presenti conti spropositati il servizio deve essere di alto livello, non puoi mettere tra i tavoli ragazzini inesperti e malpagati. Nell'Europa continentale per le stesse cifre si riceve un servizio e una qualità immensamente superiore.
    Altra piaga della ristorazione locale sono i "buttadentro": personaggi insistenti e fastidiosi che provano a deviare ogni passante verso i loro tavoli. Come le mosche.
    Sono un danno di immagine per il turismo: rovinano l'atmosfera.

  • evasione fiscale
    Locali che ti diano spontaneamente la ricevuta ne ho trovati pochi. In uno (affollatissimo) di una strada centrale di Fira quando ho chiesto la ricevuta la cassiera mi ha guardato completamente sorpresa, ho dovuto insistere, ed è stato imbarazzante vedere che non era proprio capace a farla.
    Problema simile e collegato: molti esercizi accettano solo contanti.

  • strutture pubbliche fatiscenti o inesistenti
    Se non pagano le tasse poi non ci sono i soldi per le opere pubbliche: in un'isola in cui ogni anno i turisti portano miliardi di euro è vergognoso vedere infrastrutture da terzo mondo (ok, ammetto che proporzionalmente Roma sta messa pure peggio). Strade, parcheggi, trasporti, polizia, sistema sanitario, ecc. ecc. tutto inadeguato.

  • la "funivia" Fira-porto
    Io fortunatamente non l'ho dovuta usare, ma i croceristi che sbarcano dalle navi rimangono intrappolati per ore nelle file di attesa della funivia (io direi ovovia) che dal vecchio porto arriva a Fira. Serve un impianto moderno veloce e sicuro che riesca a smaltire l'immenso afflusso di gente (visti i numeri verrebbe ripagato velocemente). Lo stato attuale è vergognoso.

  • Akrotiri
    Sito archeologico potenzialmente molto interessante, ma gestito malissimo: le rovine archeologiche sono protette da un'ottima struttura, ma non sono disponibili le necessarie informazioni per capire cosa si sta vedendo, non ci sono visite guidate, il personale è completamente disinteressato e inutile, e visto lo stato delle cose chiedere 12€ di biglietto di ingresso secondo me è un furto.
    articolo di approfondimento

  • le aspettative prodotte dalle guide
    Nessuna guida o sito internet che ho letto sottolinea adeguatamente questi problemi in modo che il turista arrivi preparato, anzi fanno proprio il contrario: tutti decantano le bellezze di Santorini pompando al massimo le aspettative, che poi si infrangono sulla dura realtà dei fatti.
    Io invece sto compilando questo lungo noioso negativo elenco proprio per prepararti a quello che troverai, così potrai apprezzare più facilmente i lati positivi.

  • il tramonto ad Oia
    A mio avviso troppo sopravvalutato (ho viaggiato abbastanza per averne visti di molto più belli), comunque il problema è il sovraffollamento: troppa gente in spazi troppo stretti. Così il tramonto non lo apprezzi, è quasi stressante.
    Questi invece i miei suggerimenti per godersi al meglio il tramonto a Santorini.

  • lo shopping da turismo di massa
    Ok, non vado certo a Santorini per fare shopping, ma vedere che le viuzze di Fira e Oia sono gremite di negozietti che vendono paccottiglia colorata è triste e deprimente. Poi invece vedere i tanti negozi "luxury fashion exclusive desing" che propongono vestitini senza sostanza a parecchie centinaia di euro mi lascia incerto tra il ridere e il piangere. Pochissimi i negozi con merce di qualità, sommersi da un mare di volgarità.

  • agenzie di viaggio da far west
    Per scrivere le mie guide di viaggio e provare tutto a volte mi costringo a fare cose che non vorrei o usare servizi che poi sconsiglio ai miei clienti. A Santorini mi sono costretto ad entrare in alcune agenzie turistiche che vendono pacchetti e servizi di viaggio vari, e in una ho pure dovuto noleggiare un'auto. Che dire? Vergognoso è poco: io ho trovato dei cialtroni incompetenti che mentono su tutto, che ignorano completamente i contratti (insistono sul fatto che è importante avere un'assicurazione quando noleggi un'auto, poi però quando trovano uno preparato che gli fa domande tecniche per metterli alla prova fanno imbarazzanti scene mute o sparano castronerie assurde) e che ti rifilano prodotti e servizi indecenti. L'auto che ho ricevuto era un catorcio con i buchi prodotti dalla ruggine e uno stato generale che se in Italia ti fermano i vigili urbani con una macchina del genere te la sequestrano al volo.

  • tassisti disonesti
    Non esiste modo di fargli usare il tassametro (quando lo chiedi improvvisamente non capiscono più la lingua che fino a quel momento hanno parlato fluentemente) e i prezzi li fanno in modo completamente arbtrario. Il fatto che i tassisti siano ladri anche nel resto del mondo non è una scusante.
    E poi in un'isola piccola come questa se i tassisti si comportano in modo così disonesto è solo possibile grazie alla connivenza delle autorità preposte ai controlli (da quello che ho capito la polizia locale).

 

Ogni singola cosa in sè non è terribile, ma

 

l'effetto combinato di tutto rovina la vacanza

 

A parole non si riesce a descrivere, ma se rimani sufficientemente a lungo sull'isola e cominci a far caso a tutte queste cose alla fine percepisci chiaramente la fastidiosissima sensazione di essere solo una vacca grassa da mungere, un limone da spremere fino all'ultima goccia, senza rispetto, senza intelligenza nello sfruttamento delle risorse turistiche, con volgarità.

E se invece non ci fai caso perché sei distratto e (giustamente) pensi solo a rilassarti alla fine lo percepirai comunque a livello inconscio, e ti darà comunque fastidio.

 

Certo Santorini non è un caso unico: nelle destinazioni famose in cui arrivano milioni di turisti trappole e fregature ci sono sempre state, e da romano posso dire che anche Roma ne è piena. Ma a Roma puoi pure cadere vittima di un ristoratore disonesto che ti fa pagare troppo una carbonara scotta o di un tassista ladro che ti sfila 20€ più del dovuto (su tariffe regolari già da rapina), però poi comunque ti rimane il piacere di poter visitare una delle città più belle del mondo con un'offerta di arte storia e capolavori senza pari. A Santorini a parte il magnifico panorama del bordo della caldera non c'è niente altro.

Ma Roma e Santorini sono pure troppo diverse, facciamo allora il paragone con Mykonos, un'altra isola delle Cicladi con fama e prezzi simili: anche a Mykonos arrivano tantissimi turisti, anche a Mykonos ci sono prezzi molto alti per hotel e ristoranti, anche lì ci sono posti che non valgono il prezzo chiesto (come in qualsiasi altra parte del mondo ce ne sono), anche lì ci sono tassisti disonesti (idem). Ma ci sono anche tanti hotel consigliabili, ristoranti dove si mangia decentemente, tante bellissime spiagge, diverse cose da fare (dai party sfrenati in discoteca alla tranquillo relax da vacanza al mare in famiglia), e soprattutto nel complesso il turista non prova affatto quella spiacevolissima sensazione di essere una mucca da mungere senza rispetto. Perché a Mykonos sono più intelligenti e il turismo l'hanno organizzato meglio. A Santorini è davvero fastidioso.

 

Attenzione però, non è che come risultato di questa lunga analisi critica io voglia consigliarti di non andare a Santorini: è un'isola molto bella e vale la pena di andarci comunque, ma è importante farlo preparati, con le giuste aspettative, prenotando con intelligenza le giuste soluzioni che meglio si adattano alle tue esigenze e ai tuoi desideri.

Vedi ad esempio i miei consigli per organizzare al meglio la vacanza:

 

consigli viaggio Santorini

consigli per il viaggio a Santorini

Mettendo a sintesi la mia esperienza nell'organizzare viaggi e quanto ho visto di persona sull'isola ho preparato questo articolo con un riassunto di consigli per organizzare il viaggio al meglio. I fondamentali: piano con le aspettative, spendi qualcosa in più ma scegli un buon alloggio, mare e spiaggia falli altrove, la caldera è splendida tutto il resto è noia, tre giorni bastano.

hotel Santorini

guida alla scelta dell'hotel

Quale hotel scegliere dipende essenzialmente dal budget a disposizione. A Santorini gli hotel buoni sono molto costosi, ma visto che l'unico motivo per andare a Santorini è godersi lo splendido panorama vale davvero la pena di spendere per un buon alloggio.
Vedi ad esempio la mia recensione delle Thermes Luxury Villas.

assicurazione verde

assicurazione di viaggio

Di solito non ci si pensa nemmeno perché la Grecia è un paese dell'Unione Europea (in cui si può ricevere assistenza medica esibendo la nostra tessera sanitaria italiana), ma visto il notevole livello di disorganizzazione è meglio farsi un'assicurazione privata. Lo consiglia anche il nostro Ministero degli Esteri.
Guida alla scelta dell'assicurazione di viaggio in Grecia.

 

 

Clicca sul +1 se hai trovato utili queste considerazioni:

 

data-size="standard" lang="it-IT"

 

E condividile con i tuoi amici.

 

 

Altre pagine dalla guida su Santorini:

 

Kamari Santorini

Kamari

Kamari è una zona di Santorini dove si concentrano molte strutture ricettive a basso costo (sia hotel che ristoranti), ma nonostante la vicinanza dell'aeroporto alla fin fine è la zona low cost meno peggio dell'isola, quindi se non vuoi spendere troppo ti consiglio di dormire qui.
Vedi anche le mie video recensioni su Kamari.

Perivolos Santorini

Perivolos e Perissa

Perissa è a mio avviso il posto più brutto e squallido di tutta Santorini (in realtà la costa nord-est è anche peggio, ma quella è disabitata), Perivolos è la continuazione naturale della spiaggia di Perissa e risulta meno peggio giusto perché ci sono meno negozi e ristoranti. Da evitare entrambi.
Vedi anche la mia video recensione su Perivolos.

Messaria Santorini

Messaria

Il piccolo villaggio di Messaria nel centro dell'isola è stato quello che mi ha colpito più di tutti: un posto dimenticato da Dio, bruciato dal sole, con case diroccate e una tristezza urbana che urla disperazione. Non c'è davvero nessun motivo per venirci e soprattutto evita di prenotare un alloggio da queste parti. Questa la mia video recensione di Messaria.

 

 

Guide alla scoperta di altre isole delle Cicladi:

 

Mykonos Cicladi

Mykonos

Anni fa Mykonos era rinomata solo per l'essere meta prediletta del turismo gay, ma negli ultimi anni si è nuovamente (e intelligentemente) trasformata in un'isola per tutti. Le sue spiagge sono senza dubbio tra le più belle delle Cicladi (l'acqua è pulitissima e dai colori spettacolari).
Meglio andare in bassa stagione: ad agosto è un inferno.

Paros 1

Paros

Paros è un'ottima meta per una vacanza estiva alla ricerca di sole mare e sano semplice divertimento, senza il "luxury style" di Mykonos o i costosi tramonti di Santorini: ci sono diverse sistemazioni alberghiere con buon rapporto qualità/prezzo, belle spiagge, si mangia bene a prezzo onesto.
Bella e autentica. Paros.

Antiparos

Antiparos

Prima di arrivarci Antiparos me la immaginavo come una semplice e anonima estensione di Paros, poi invece non solo ho scoperto che ha un carattere suo proprio, ma me ne sono subito innamorato! Piccola, semplice, perfetta per vacanze placide e tranquille. In bassa stagione tranquillissime.
Guida alla scoperta di Antiparos.

Mariano Guido Uberti tondo 64x64  

Mariano Guido Uberti

wizard of travel

seguimi su Facebook 16  Google color 16  Twitter 16  Youtube 16

 

 

 

per l'attribuzione dei crediti delle immagini in copertina vedi la pagina dei photocredits

questo sito ha +800 pagine   scoprile

risorse utili:

prenotare hotel

noleggio auto

prenotazione voli

guida assicurazioni

clima ideale

 

top guide di viaggio

Stati Uniti - New York City

isole del Pacifico

Islanda - Germania

la mia consulenza:

come funziona

perché gratis

FAQ (domande frequenti)

 

i miei contatti

mariano@uberti.eu 

 

follow me

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili per migliorare la tua esperienza sul sito stesso. Per approfondimenti consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.