logo Uberti consulenza viaggi

guida viaggio New York City

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

guida viaggio New York City

Salva

Salva

Salva

SLANG - Sogno L'America Nel Giardino

un programma tv di Rai 3 sui giovani italiani che provano a trovare la loro fortuna a New York

 

Un secolo fa gli italiani emigravano in America per inseguire un sogno e per sfuggire alla miseria, ma oggi come allora si continua ad andare negli Stati Uniti per cercare qualcosa che in Italia non si trova, per inseguire una passione, per realizzare un progetto, a volte per caso.

Negli ultimi 4 anni oltre 150.000 ragazzi hanno lasciato il nostro Paese, e molti di loro sono partiti per gli Stati Uniti, di cui New York rimane la principale porta di accesso. Cosa cercano? Quali sono le difficoltà che incontrano?

 

Questo è il tema di uno dei migliori programmi che ho visto di recente dedicato agli Stati Uniti.

SLANG - Sogno L'America Nel Giardino: un racconto inedito in 4 puntate per capire chi sono, come vivono e cosa vogliono gli italiani che hanno scelto di vivere a New York.

 

 

SLANG-rai

 

 

Oltre ad essere molto interessante e molto ben fatto (con splendide vedute di New York City e un'ottima colonna sonora di sottofondo) è anche integralmente disponibile in streaming: se non hai avuto modo di vederlo in tv puoi guardarti comodamente tutte e 4 le puntate direttamente dal mio sito.

 

 

Slang-1

SLANG - 1a puntata: l'ossessione del cibo

L'Italia è famosa nel mondo per la sua buona cucina, e a New York City di quasi 50.000 ristoranti ben il 50% sono ristoranti italiani. Normale quindi che molti nostri connazionali cerchino fortuna nell'industria del cibo. Slang racconta la storia di un ragazzo che ci sta provando, e di altri che ci sono già riusciti: vedi la prima puntata in streaming.

Slang-2a

SLANG - 2a puntata: impara l'arte

Altri italiani invece vanno in America per inseguire la passione per l'arte, alcuni col sogno di diventare attori, altri riescono a realizzarsi come artisti, altri come architetti. Il racconto della seconda puntata di SLANG parte da una ragazza che sogna di diventare attrice comica, e che nel frattempo si mantiene facendo la cameriera.

Slang-3

SLANG - 3a puntata: il denaro non dorme mai

Ney York City è uno dei centri della finanza mondiale, anche dopo l'attentato dell'11 settembre, e quindi è qui che viene chi sogna di sfondare in America nel mondo del denaro e del potere. Storie di chi ce l'ha già fatta e dei giovani che ci stanno provando.

Slang-4

SLANG - 4a puntata: per moda di dire

Delle 4 puntate questa all'inizio era quella che mi attraeva di meno perché la moda non è un argomento molto interessante per me (anche se è uno dei punti di forza della nostra industria italiana), ma alla fine devo dire l'ho trovata coinvolgente: è stata la puntata dove si è parlato di più del confronto della vita tra l'Italia e New York e l'America.

 

Il programma è diretto da Gerardo Greco, che ha passato alcuni anni a New York come corrispondente Rai: era lì nel 2001 quando ci fu l'attacco alle Torri Gemelle. Sulla base della sua esperienza americana nel 2009 ha scritto un libro: Good Morning AMERICA - Un viaggio sulle tracce del nuovo sogno americano, oggi però difficilmente reperibile.

 

Mariano Guido Uberti tondo 64x64  

Mariano Guido Uberti

wizard of travel

seguimi su Facebook 16  Google color 16  Twitter 16  Youtube 16

 

 

 

per l'attribuzione dei crediti delle immagini in copertina vedi la pagina dei photocredits

Hai già prenotato un hotel?    ... sicuro di aver scelto bene?     verifica

risorse utili:

prenotare hotel

noleggio auto

prenotazione voli

guida assicurazioni

clima ideale

 

top guide di viaggio

Stati Uniti - New York City

isole del Pacifico

Islanda - Germania

la mia consulenza:

come funziona

perché gratis

FAQ (domande frequenti)

 

i miei contatti

mariano@uberti.eu 

 

follow me

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili per migliorare la tua esperienza sul sito stesso. Per approfondimenti consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.