logo Uberti consulenza viaggi

assicurazione viaggi - guida alla scelta

Sicko, di Michael Moore

il film documentario di denuncia sul sistema sanitario americano

 

Il modo più veloce ed efficace di farsi un'idea di come funzioni il sistema sanitario americano è quello di vedere il film-documentario Sicko di Michael Moore che ne denuncia in modo efficace la pecca principale:

 

chi non ha soldi per pagare il conto non viene curato

 

E senza nessuna eccezione: hanno lasciato morire dei bambini.

 

Film molto interessante da vedere, soprattutto per chi pensa di organizzarsi un viaggio negli Stati Uniti ed è ancora indeciso per quanto riguarda quale assicurazione sanitaria scegliere o addirittura se farla o meno.

 

A mio avviso è anche un pò demagogico e tendenzioso, ma le storie presentate sono tutte vere e onestamente commoventi, aiutano a capire il problema molto più di dati e statistiche. Il finale poi è geniale.

 

 

50 milioni di americani senza assicurazione
"pregano tutti i giorni di non ammalarsi,
perché 18000 di loro moriranno quest'anno,
solo perché non sono assicurati".

Ma questo film non è sugli americani non assicurati,
è sui 250 milioni di americani assicurati,
quelli che vivono il sogno americano. 

 

 

 

Sicko-cover

 

 

 

Approfondimento sui contenuti del film:

 

dati e informazioni sull'assistenza medica negli Stati Uniti

Ti riporto un elenco delle informazioni più interessanti sul sistema sanitario americano ricavabili dal film.

Considera che il film è del 2006, quindi nel frattempo i prezzi sono pure aumentati.

  • le medicine sono costosissime, alcuni esempi: un antidolorfico 213$, un inalatore per problemi respiratori 120$ (quando a Cuba lo stesso inalatore costa 5 centesimi)

  • le operazioni sono proporzionalmente ancora più costose, ad esempio riattaccare una falange di un dito dai 12.000 ai 60.000$

  • se si necessita di assistenza bisogna avvertire l'assicurazione PRIMA di farsi soccorrere, per concordare e farsi approvare la soluzione; ci sono addirittura stati casi in cui una persona coinvolta in un incidente automobilistico sia stata soccorsa da svenuta e l'assicurazione non abbia pagato l'ambulanza "perché non era stata contattata preventivamente", cosa ovviamente impossibile da fare se si è svenuti

  • Il caso di Linda Peeno: http://it.wikipedia.org/wiki/Linda_Peeno

  • Gli Stati Uniti hanno il maggior tasso di mortalità infantile del mondo occidentale.

 

 

il paragone con Canada, Inghilterra, Francia e Cuba

Per sottolineare ulteriormente il disumano sistema americano Moore riporta esempi felici di altri sistemi sanitari, canadese inglese e francese, che però risultano essere uno dei punti deboli del film visto che esagera nel descriverli idillicamente perfetti. Inoltre questi sistemi vengono presentati come "gratuiti" per chi ne deve usufruire, ma non viene detto che vengono finanziati con le tasse pagate da tutta la popolazione.

 

Senza entrare troppo in dettaglio nell'analisi dei sistemi in questione ti riporto un commento sul sistema sanitario inglese da parte di Paolo Attivissimo, che in Inghilterra ci ha vissuto:

 

La sanità inglese, quella pubblica perlomeno, ha una pessima reputazione, e piuttosto meritata. A parte qualche isola felice, è un disastro che gronda condiscendenza nei confronti del cittadino, trattato sempre come uno troppo stupido per capire. Certo, nessuno è mai contento di quello che ha in casa propria, e credo che se gli inglesi sapessero degli scandali di igiene dell'Umberto I o degli spacciatori in corsia al Cardarelli, guarderebbero al proprio sistema sanitario con meno disprezzo. Ma resta il fatto che le liste d'attesa sono lunghe, l'assistenza ai bambini è svolta non da un pediatra (come in Italia), ma da un medico generico, e molti cittadini (me compreso) preferiscono tutelarsi con una polizza salute che consente loro di accedere alla sanità privata, decisamente più affidabile e accogliente. Va detto che i contributi sanitari obbligatori sono più bassi di quelli italiani e soprattutto abbastanza bassi da permettere a molti di pagarsi queste polizze salute.

 

Il finale a Cuba è ovviamente provocatorio, ma questa è la funzione dell'intero film.

 

Per noi italiani è interessante il fatto che ad un certo punto del film viene mostrata una classifica del World's Health Systems (Organizzazione Mondiale della Sanità) dei migliori sistemi sanitari del mondo, in cui la Francia è al primo posto, ed incredibilmente l'Italia è al secondo.

Non ci volevo credere quindi sono andato a controllare, ma è effettivamente così: nel report del 2000 dell'OMS l'Italia è la seconda migliore nazione al mondo per il suo sistema sanitario (vedi il report su Wikipedia). Probabilmente questa classifica dà un peso molto importante al fatto che il sistema sia a costo zero per il cittadino (perché finanziato dalle tasse che il cittadino stesso paga) e soprattutto perché non hanno considerato i tanti casi di malasanità su cui noi veniamo continuamente informati dai nostri giornali.

 

 

critiche al film e altri link interessanti

Nonostante sia un film interessante e a mio avviso assolutamente da vedere, se non in previsione di un viaggio negli Stati Uniti almeno per cultura personale, ci sono comunque lacune e punti deboli: i sistemi sanitari stranieri che vengono portati ad esempio sono eccessivamente idealizzati (vedi punto precedente), e non viene offerta nessuna possibilità di replica ad un qualsiasi esponente del sistema americano tanto criticato.

Se cerchi su Google "critiche Sicko Michael Moore" troverai un'ampia selezione di commenti in proposito.

 

In aggiunta ti segnalo questo articolo (in inglese) del New England Journal of Medicine.

 

 

P.S. se provi a cercare "sicko michael moore ita" su Youtube trovi qualcosa.

 

 

Appurato che per un viaggio negli Stati Uniti ci vuole una buona assicurazione che copra eventuali spese mediche rimane il problema di capire quale polizza sottoscrivere. Di seguito ti rimando agli articoli della guida alla scelta dell'assicurazione di viaggio negli USA, ma in estrema sintesi consiglio sempre di scegliere una tra queste:

 

ERV assicurazione viaggi 100x35          Columbus assicurazione viaggi

 

Leggi anche questi articoli di approfondimento:

 

Columbus Direct viaggi

Columbus Direct

Columbus propone un'ottima assicurazione viaggi ad un prezzo molto competitivo: la polizza base "assistenza" copre le sole spese mediche (cioè l'essenziale da avere) ma con anticipo di tutte le spese e buona affidabilità, mentre la polizza "premium" ha anche l'annullamento viaggio, a buon prezzo.
Leggi la recensione approfondita su Columbus Direct.

ERV assicurazione viaggi

ERV - Europäische Reiseversicherung

ERV è un'assicurazione viaggi davvero ottima, difatti è anche tra le più costose, ma la qualità si paga: contratto chiaro e preciso, ottime condizioni di copertura (consiglio la polizza di "classe A"), efficienza e serietà tedesche, gruppo solido, grande esperienza assicurativa alle spalle.
Leggi la recensione approfondita su ERV.

 

Come supporto alla scelta di una buona assicurazione ti segnalo anche:

 

assicurazioni

guida alla scelta delle migliori assicurazioni di viaggio per gli USA

Quale assicurazione scegliere tra quelle consigliate dipende essenzialmente dalle tue esigenze e da quanto sei disposto a spendere: in questa guida metto a confronto le varie caratteristiche delle assicurazioni consigliate e ti suggerisco alcuni criteri di scelta.
Ma la cosa più semplice è contattarmi direttamente per un consiglio personalizzato.

consigli

consigli per scegliere una buona assicurazione di viaggio

In estrema sintesi i consigli di base sono solo due: 1) non scegliere semplicemente l'assicurazione che costa meno ma scegli quella che meglio si adatta alle tue esigenze; 2) considera che i (tanti) soldi da spendere per una buona assicurazione non sono buttati al vento ma investiti per un viaggio sicuro.

contratti

analisi dei contratti

Dopo aver letto i miei consigli, le recensioni di altri viaggiatori, aver comparato prezzi e condizioni, devi comunque ricordare che l'unica cosa che conta è il contratto che la compagnia assicurativa scelta ti offre. Ho preparato allora una guida alla lettura dei contratti con consigli e approfondimenti sugli aspetti più importanti a cui porre attenzione.

esclusione di responsabilità

Tutti i miei approfondimenti e consigli della guida alla scelta dell'assicurazione sono gratuitamente a tua disposizione, ma ovviamente non rispondo in nessun caso di qualsiasi problema tu possa avere. Anche con assicurazioni che consiglio nel sito, anche se qualcosa che dovessi aver scritto risultasse inesatta o incompleta o non più attuale.

 

in ogni caso io non mi assumo nessuna responsabilità
per qualsiasi problema con l'assicurazione

 

Questo essenzialmente per due motivi fondamentali: la mia consulenza viaggi e i miei consigli sono assolutamente gratuiti, e ad ogni modo io non ho nessun rapporto diretto con le compagnie di assicurazione che consiglio in questa guida.


Leggi attentamente anche le mie condizioni di servizio.

 

Mariano Guido Uberti tondo 64x64  

Mariano Guido Uberti

wizard of travel

seguimi su Facebook 16  Google color 16  Twitter 16  Youtube 16

 

 

 

per l'attribuzione dei crediti delle immagini in copertina vedi la pagina dei photocredits

Hai già prenotato un hotel?    ... sicuro di aver scelto bene?     verifica

risorse utili:

prenotare hotel

noleggio auto

prenotazione voli

guida assicurazioni

clima ideale

 

top guide di viaggio

Stati Uniti - New York City

isole del Pacifico

Islanda - Germania

la mia consulenza:

come funziona

perché gratis

FAQ (domande frequenti)

 

i miei contatti

mariano@uberti.eu 

 

follow me

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili per migliorare la tua esperienza sul sito stesso. Per approfondimenti consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.