logo Uberti consulenza viaggi

viaggio Stati Uniti

guida di viaggio negli USA

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

soldi contanti negli USA

e dove cambiare i dollari

 

Negli Stati Uniti si usa la carta di credito per pagare qualsiasi cosa, anche per conti di pochi dollari al bar o in un negozio qualsiasi, ma in ogni caso io consiglio sempre di portarsi appresso un pò di dollari in contanti, possono tornare sempre utili.

 

Bisogna però valutare quanti dollari in contanti portare e dove cambiare gli euro in dollari.

 

 

quanti contanti portare

Ovviamente quanti dollari in contanti portarsi appresso dipende moltissimo da cosa si intende fare in viaggio, cioè quanto si pensa di spendere e dove si prevede di spendere, e dalla convenienza di usare le proprie carte di credito invece dei contanti:

 

quanto più alte sono le commissioni delle tue carte
tanti più contanti ti conviene portare
(se le commissioni di cambio sono inferiori a quelle della carta)

 

Ad esempio: se la tua carta di credito ti applica una commissione del 2,5% ogni volta che usi la carta fuori dall'Europa (che è una commissione alta, visto che la commissione media solitamente non supera l'1,75%) ed usa un tasso di cambio poco favorevole, mentre la tua banca ti applica una commissione di cambio del 1% sul tasso di cambio ufficiale del momento, e magari in aggiunta il forecast del tasso di cambio prevede un rialzo a favore del dollaro, ti converrà portarti appresso molti dollari in contanti per usarli ogni volta che puoi, ad esempio per pagare i conti ai ristoranti, le spese ai negozi, gli ingressi alle attrazioni, la benzina, ed ogni piccolo acquisto. Questo perché i dollari che prendi dalla tua banca in Italia ti costano meno rispetto a quelli "virtuali" spesi dalla tua carta di credito.

 

Se non hai voglia di fare questi conti usa quanto più possibile le carte di credito e portati appresso 2-300$ in contanti, di cui probabilmente una buona parte ti avanzeranno per i prossimi viaggi.

 

 

cosa fare la prima volta

I viaggiatori meno esperti solitamente non hanno la più pallida idea delle diverse condizioni che applica la banca e l'istituto che gestisce le carte di credito, come non hanno idea di quanto spenderanno, e meno che mai di quanto incidono effettivamente i tassi di cambio.

Quindi: che fare?

La cosa più ovvia: suddividere le spese tra tutti i possibili sistemi di pagamento (vedi lista seguente per i contanti) e poi farsi i conti a casa al ritorno in modo da avere le idee più chiare quando arriverà il prossimo viaggio intercontinentale.

 

Inutile invece chiedere a me cosa conviene: io ovviamente non posso sapere quali sono le condizioni delle tue carte di credito (non basta nominarne il tipo, possono funzionare su contratti diversi) né ho idea di che condizioni applichi la tua banca.

Devi leggerti con pazienza tutti i miei articoli su come gestire le spese negli USA.

 

 

dove cambiare euro in dollari

Una volta deciso quanti dollari in contanti portarsi appresso negli USA bisogna valutare dove farsi cambiare gli euro in dollari.

Ci sono varie possibilità:

 

  • alla propria banca
    E' la soluzione più comoda, ma devi verificare che condizioni ti applicano (è anche un buon test per valutare la tua banca). Chiedere comunque non costa nulla: se poi ti applicano condizioni e commissioni sfavorevoli rivolgiti altrove.
    Solitamente bisogna prenotare il cambio qualche giorno prima: quasi mai le banche hanno in cassa dollari americani.

    Con l'occasione segnala alla tua banca le date del tuo viaggio negli USA: se sono attenti potrebbero bloccarti la carta di credito quando cominciano a vedere spese dagli Stati Uniti (possono pensare che ti hanno clonato la carta e la sta usando qualcun altro). A me è successo: per sbloccarla devi telefonare nella tua filiale, e a parte il costo della telefonata solitamente perdi tempo per la differenza di fuso orario (la Legge di Murphy assicura che scoprirai il blocco quando la tua banca è chiusa, anzi probabilmente accadrà sabato pomeriggio e non potrai contattarli fino a lunedì).
    E' davvero scocciante, ed è uno dei motivi per cui è sempre meglio portare più carte di credito: se te la bloccano poco prima del noleggio auto e non ne hai un'altra sono guai seri perché non potrai ritirare la macchina.

  • alla Posta
    Solitamente cambiare euro in dollari alla Posta costa meno che alla banca (commissioni più basse), ma è più scomodo: negli uffici delle grandi città c'è più fila, e anche qui difficilmente avranno abbastanza dollari contanti subito a disposizione quindi dovrai prenotarli e ritornare.
    N.B. non puoi cambiare valuta in tutti gli uffici: questo l'elenco degli uffici postali abilitati.

  • dai cambiavalute
    Mi sembra ovvio che non conviene: le commissioni sono sempre più alte che alla banca o alla posta.

  • all'aeroporto
    Ancora peggio che dai cambiavalute in città: in ogni aeroporto ci sono vari chioschi dove poter poter cambiare i propri soldi, ma le commissioni sono sempre sconvenienti, e in alcuni casi praticamente da rapina. L'unica possibilità accettabile sarebbe trovare una banca dentro l'aeroporto, ma è molto raro.

  • prelievo bancomat
    Solitamente le commissioni migliori si ottengono prelevando al bancomat negli Stati Uniti (dove si chiamano "ATM" o "ATM machine" e non bancomat). Ovviamente a meno che tu non abbia una pessima carta di credito o debito che si approfitta di te applicando commissioni spropositate quando la usi all'estero.
    Inoltre hai il vantaggio di prelevare un pò alla volta l'importo che effettivamente ti serve, senza impazzire a stimare la cifra giusta prima della partenza.
    Quindi solitamente questa è la soluzione migliore.

    ATTENZIONE però a prelevare solo da bancomat incassati nei muri di una banca ed evitare i piccoli totem che trovi sparsi ovunque: questi mini bancomat potrebbero non erogare i soldi rilasciandoti comunque la ricevuta di avvenuto prelievo (a me è capitato). Leggi anche il mio articolo di approfondimento sul prelievo al bancomat negli USA.

  • cashback dai negozi
    In alcuni supermercati o grandi negozi americani può capitare che al momento di pagare il conto con la carta di credito (o prepagata) ti venga chiesto se vuoi del cash-back: in pratica aggiungono al conto da pagare l'importo in dollari da darti in contanti. Ovviamente se te lo offrono è perché gli conviene visto che ci guadagnano in commissioni, però nel caso ti ritrovi nella necessità di prelevare denaro contante e non trovi bancomat nelle vicinanze è utile sapere che esiste questa possibilità.

 

Se alla fine del tuo viaggio ti avanzano dollari contanti non ti conviene ricambiarli in euro: ci perderesti parecchio in commissioni, quindi è meglio tenerseli per i prossimi viaggi (tanto le banconote non scadono). E i dollari americani sono comunque usabili in molte parti del mondo: li accettano volentieri pure gli integralisti islamici, i dollari verdi piacciono a tutti.

Meglio riportarseli a casa che spenderli malamente all'aeroporto prima di prendere il volo di ritorno solo per sforzarsi di finirli.

 

 

usare solo contanti e prepagate

Non vorrei che la mia brillante osservazione matematica iniziale sulla convenienza contanti vs carte di credito ti possa portare a pensare che la cosa migliore è partire per gli Stati Uniti con un pacco di dollaroni verdi e la Postepay:

 

per un viaggio negli USA
SERVONO LE CARTE DI CREDITO
prepagate e carte di debito non bastano

 

Nota che ho scritto "carte di credito" al plurale (perché solo una solitamente non basta) e che carte di debito e prepagate sono cose differenti.

Vedi anche il mio articolo sulle carte di credito negli USA.

 

In particolare

 

senza carta di credito non puoi noleggiare l'auto

 

Ma mio cugino mi ha detto che non è vero ... e su internet ci stanno tanti travel blogger che spiegano come fare ...

Si, ecco, segui i consigli di questi geni, vedi che succede ...

 

 

dichiarazione doganale

Poco prima di atterrare le hostess del tuo volo consegneranno ad ogni passeggero un modulo di dichiarazione doganale in cui tra le varie cose bisogna dichiarare se si portano contanti superiori ad una certa cifra (l'ultima volta che ho controllato erano 10.000$ ma verifica sempre).

N.B. non è che non puoi portare cifre superiori, nessuno te lo vieta, ma se lo fai devi dichiararli.

Io ovviamente consiglio di portare molto meno: se ti porti appresso troppi soldi contanti poi il problema è dove tenerli per non farseli rubare durante il viaggio.

 

 

Altri approfondimenti sulle spese negli USA:

 

budget costo vacanza USA

stima dei costi di viaggio

Il budget per un viaggio negli USA deve prevedere i costi per: voli, hotel, autonoleggio, assicurazione, a cui poi sommare tutte le spese extra per pranzi/cene, ingressi, benzina, ecc. Il volo varia tra 400 e 1000€ a seconda del periodo e della destinazione, le altre spese dipendono da molti fattori: leggi l'articolo di approfondimento sul budget.

mance negli USA

mance negli USA

La questione è complessa, ma si può riassumere in: le mance NON sono obbligatorie, l'onere di pagare i camerieri è del proprietario e non del cliente, le leggi USA prevedono una paga minima, e gli stipendi dei camerieri non sono così bassi come si pensa (a New York arrivano a 50-60.000$ l'anno).

 

Consigli per prenotare il viaggio:

 

voli Italia Stati Uniti

voli

Il costo del volo dipende da origine/destinazione e periodo di viaggio. Ti consiglio di non scegliere semplicemente il volo che costa meno, ma quello più funzionale al tuo viaggio: ad esempio nei viaggi on the road un errore da non fare è prendere un volo a/r invece che un open jaw (cioè col ritorno da un aeroporto diverso da quello di arrivo). Guida alla scelta e prenotazione dei voli.

assicurazione viaggio Stati Uniti

assicurazione di viaggio

Per un viaggio negli Stati Uniti è necessaria un'assicurazione medica: formalmente non è obbligatoria, ma se avrai necessità di cure mediche i conti possono essere astronomici. Leggi la guida alla scelta dell'assicurazione per orientarti tra le offerte e capire i complicatissimi contratti, poi contattami per un consiglio personalizzato. Ho anche codici sconto.

scegliere hotel USA

hotel

Ci sono 4 errori da evitare nella ricerca dell'albergo: usare solo gli stessi siti che si usano in Italia (ad esempio Booking.com NON è quello con le tariffe migliori); cercare un B&B o un appartamento pensando di risparmiare (e invece NON conviene); credere alle recensioni Tripadvisor; sottostimare i costi. Per approfondimenti e altri consigli vedi la mia guida alla scelta e prenotazione dell'hotel.

autonoleggio stati uniti

autonoleggio

Negli Stati Uniti si possono noleggiare ottime auto a prezzi relativamente contenuti, e in alcuni stati non si pagano nemmeno le one way fee. Dopo molte ricerche ho individuato i siti migliori da cui prenotare a prezzi molto vantaggiosi: scopri quali sono nella guida completa al noleggio auto negli USA.

per l'attribuzione dei crediti delle immagini in copertina vedi la pagina dei photocredits

Le pagine di questo sito contengono link di affiliazione da cui io posso guadagnare una commissione se tu li usi per accedere ai siti da cui comprare servizi di viaggio. La mia commissione non incide sul costo totale, quindi usare i miei link a te non costa nulla e ripaga il mio servizio di consulenza viaggi che offro gratuitamente. maggiori informazioni

 

scritto con attenzione e dedizione da
Mariano Guido Uberti tondo 64x64  

Mariano Guido Uberti

wizard of travel

FB , YouTube , Linkedin

 

 

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Hai già prenotato un hotel?    ... sicuro di aver scelto bene?     verifica

risorse utili:

prenotare hotel

noleggio auto

prenotazione voli

guida assicurazioni

clima ideale

 

top guide di viaggio

New York - California

Maldive - Caraibi

Islanda - Londra

la mia consulenza:

come funziona

perché gratis

la mia esperienza: Linkedin

 

i miei contatti

mariano@uberti.eu 

 

follow me

video presentazione Uberti consulenza viaggi

Salva

Salva

Salva

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili per migliorare la tua esperienza sul sito stesso. Per approfondimenti consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.